Ti trovi qui: Home > Progetto > Attività del progetto

Attività (WorkPackages, WP)

 

Come ci organizziamo?

WP1 - COORDINAMENTO E GESTIONE

Tutti i Partner lavorano in sinergia, perseguendo obiettivi condivisi. 
Il Lead Partner coordina  le attività al fine di conseguire i risultati attesi entro i tempi previsti e utilizzando in modo appropriato il finanziamento pubblico. Il coordinamento è attento a riconoscere e risolvere eventuali criticità che si possono incontrare e a cogliere opportunità inattese. 

 
Obiettivi
Dare al Network T2C strumenti di autocontrollo, necessari per elaborare periodicamente strategie di miglioramento dell’efficacia del suo agire e utilizzare appropriatamente il finanziamento pubblico ricevuto.
 
Attività
Coordinamento delle attività svolte dai 13 Partner;
Coordinamento locale  del sistema gestionale;
Resoconti delle attività e rendicontazioni finanziarie all'Autorità di Gestione del Programma;
Gestione delle situazioni di criticità;
Individuazioni di miglioramenti operativi, potenziamento delle attività e incremento dei risultati.
 
Risultati attesi
Rendiconto finanziario al Controllo di primo Livello;
Richiesta di rimborso all’Autorità di gestione;
Rendiconto della attività svolte.
 
Risultati conseguiti 
Utilizzo del finanziamento nei tempi previsti;
Feedback dei ricercatori relativo all'efficacia del coordinamento.
 
 
 

Come finanziamo il nostro progetto?

WP2 - ATTIVITA' PREPARATORIE

La maggior parte dei Partner stavano già collaborando, si conoscevano ed erano disponibili ad avviare un progetto condiviso. Grazie a incontri e contatti telematici, è stato possibile includere nuovi Partner e trovare una linea comune. Il Lead Partner ha curato la redazione e presentazione della proposta finale presentata alle Autorità di Gestione.


Obiettivi
Redazione di una proposta progettuale concepita come un progetto adatto a Programmi europei, quali il 7° Programma Quadro e i progetti di mobilità dei ricercatori compresi dalle Azioni Marie Curie.
 
Attività
Scambio e condivisione di informazioni preliminari tra tutti i partner;
Organizzazione di incontri finalizzati alla reciproca conoscenza e pianificazione del progetto di collaborazione transnazionale.
 
Risultati attesi
Redazione testo della Manifestazione di interesse.
Redazione della proposta progettuale.
 
Risultati conseguiti 
Presentazione della Manifestazione d’Interesse alla Autorità di Gestione (15 dicembre 2008);
Presentazione della proposta progettuale completa alla Autorità di Gestione (10 settembre 2009); 
Finanziamento del progetto (10 marzo 2011).
Inizio attività (1 aprile 2011).
 

Vogliamo uno staff giovane per costituire una rete internazionale stabile!

WP3 - RECLUTAMENTO TRANSFRONTALIERO DEL PERSONALE IN FORMAZIONE NEL CORSO DEL PROGETTO

Protagonisti della cooperazione trans-frontaliera e dell'integrazione tra diverse discipline scientifiche e vari soggetti culturali, economici e sociali sono i 14 ricercatori assunti dal progetto e impiegati ciascuno presso un partner. L'assunzione è avvenuta simultaneamente, in conformità a un bando pubblico che i Partner hanno condiviso.
 

Obiettivi
Reclutamento simultaneo di 14 ricercatori, gestiti ognuno da parte di un partner (fatta eccezione del Lead Partner dove lavorano 2 ricercatori), al fine di contribuire alla coesione, sviluppo e sostenibilità del partenariato.
 
Attività
Progettazione e preparazione dei bandi di reclutamento simultaneo da parte dei 13 Partner;
Redazione di un bando unico congiunto anche in lingua inglese, nel rispetto dei dettami previsti nella Carta europea dei Ricercatori e del Codice di Condotta per l’assunzione dei ricercatori pubblicati dalla Commissione europea Risorse Umane; 
Preparazione di un avviso di convocazione comune, divulgato nel sito web dei vari partner e, simultaneamente, tramite altri mezzi di comunicazione (come Il Sole 24 Ore e  Primorski dnevnik);
Selezioni ed assunzioni da parte dei 13 Partner. 
  
Risultati conseguiti
Assunzione di 14 ricercatori, uno per ciascun partner e due per il Lead Partner, in forza alla rete da dedicare alla formazione e alle attività progettuali.  
 

Trasformazione: da ricercatori isolati a squadra multidisciplinare ed internazionale

WP4 - FORMAZIONE E MOBILITA' TRANSFRONTALIERA DEI RICERCATORI

Per mettere in grado i giovani di creare collaborazioni scientifiche anche con le industrie è necessario offrire loro sia un training tecnologico in vari ambiti scientifici che una formazione complementare, in materie economiche. 
Importante è lo sviluppo della capacità di comunicare all’esterno obiettivi e risultati scientifici.
 

Obiettivi
Far acquisire ai ricercatori T2C una formazione scientifica-tecnologica specialistica presso i partner;
Dare ai ricercatori T2C una formazione complementare che permetta loro di interagire in modo efficace con il mondo imprenditoriale ed il mercato; 
Favorire la mobilità da un partner all'altro.
Ideare e sviluppare nuove soluzioni per la prevenzione, diagnosi e cura di malattie ampiamente diffuse.
 
Attività
Organizzazione di percorsi formativi tecnologici e complementari;
Supervisione gestionale gestita dai Team Managers, o loro delegati, e integrazione dei percorsi con dimostrazioni e formazione presso ospedali o aziende;
Attivazione di nuove collaborazioni scientifiche-tecnologiche all'interno della rete.
 
Risultati attesi
Condivisione di competenze attraverso il Network;
Avviamento di collaborazioni, processi di integrazione e trasferimento tecnologico in campo biomedico;
Promozione di nuovi servizi di medicina preventiva presso istituzioni sanitarie e di ricerca coinvolte nel Progetto; 
Sviluppo di soluzioni innovative per il miglioramento della salute, soprattutto nella popolazione anziana.
 
RISULTATI CONSEGUITI
Il volume degli atti della riunione plenaria dei partecipanti al progetto tenutasi a Treviso il 28-29 maggio 2013 riporta i risultati intermedi del progetto. Il volume (e-ISBN 978-88-8303-514-2, EUT-Edizioni Università di Trieste) è pubblicato nella sezione T2C books.
Le relazioni individuali si trovano nella sezione WP4.1 Technological training reports (pag. 21-99). 
L'elenco dei corsi di formazione complementare si trova nella sezione WP4.2 Complementary training (pag. 100-102).
 
Formazione complementare - Elenco corsi
15.02.1012  Team building 
16-17.02.2012  Patent search, analysis and business
15.10.2012  Scientific communication: opportunities and risks
15-16.10.2012  Innovation and Technological transfer
16.10.2012  Best practices for managing IP in early stage startups 
26.11.2012  Understanding, protecting and monetizing your intellectual property
26.11.2012  New product development according to ISO9000:2008 
27.11.2012  Guided tour to Cluster for Biomedicine (CBM), ELETTRA Synchrotron and FERMI facilities
24-25.01.2013  Fundamental of economics 
20.03.2013  How to get the most from a technological audit 
16-17.02.2013  Training Session TECH AUDITS INSIDE TRANS2CARE
24-25.10.2013  Project Management
18.12.2013  Contracts and agreements
18.12.2013  How to communicate your skills and professional objectives
01.04.2014  Ecosystems for innovation
 
Tutti i dettagli dei corsi
 
Indicatori di risultato
 

Chi siamo e dove vogliamo andare?

WP5 - MAPPATURA E ROAD-MAPPING

Trans2Care realizzerà uno studio dettagliato su enti accademici, di ricovero e cura, le aziende industriali dell’Area Programma, sui rispettivi risultati scientifico-tecnologici in termini di ricerca di base e applicata. I dati raccolti consentiranno una migliore pianificazione di nuove ricerche.
  

Obiettivi
Si vuole realizzare un'analisi dettagliata sulla ricerca in atto e rispettivi risultati presso enti di ricerca e sanitari dell'Area Programma per capire se i risultati siano utilizzabili dal sistema della sanità pubblica per migliorare i servizi di prevenzione, diagnosi e cura. 
Questo studio indicherà gli indirizzi strategici di ricerca biomedica per il futuro.
 
Attività
Formazione e gestione di 5 Gruppi di lavoro tematici  (T2C teams) nel corso del Progetto;
Partecipazione attiva dei giovani ricercatori reclutati dal Progetto in più di un gruppo di lavoro al fine di favorire la multidisciplinarità e lo scambio di esperienza e conoscenza;
Realizzazione di una lista delle principali attività di ricerca all'interno di università, ospedali e centri di ricerca dell'area coinvolta;  
Stesura dell'Agenda strategica della ricerca biomedica.
 
Risultati attesi
Documento di mappatura aggiornata e completa; 
Stesura di un’Agenda strategica per la ricerca biomedica, focalizzata sulle seguenti priorità: 
a) identificare la competenza scientifica facilmente disponibile per soddisfare i problemi medici e sanitari irrisolti; 
b) accelerare la conversione di queste competenze in prodotti e servizi da introdurre nel mercato; 
c) identificare le aree di ricerca biomedica che mettano virtuosamente a sistema le competenze multidisciplinari di tutti i partner del Progetto, con la possibilità di espandere il partenariato ad altri partecipanti con diverse competenze.
  
Risultati conseguiti
Relazione sul workpackage 5, attività 1 (Mapping) "Valore della ricerca biomedica della rete Trans2Care e raccomandazioni per la realizzazione di strumenti volti a favorire un migliore trasferimento della conoscenza e  suo sfruttamento"
Position paper "IL SISTEMA DELLA RICERCA BIOMEDICA TRANSFRONTALIERA ITALO-SLOVENA: UN ELEMENTO STRATEGICO DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE PER LA POLITICA DI COESIONE 2014-2020".

Come trasferire conoscenze e competenze dai laboratori alle aziende?

WP6 - TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

Per realizzare azioni di trasferimento tecnologico, la rete intende organizzare dei Technology Audit , ossia delle audizioni in aziende biomediche, laboratori e ospedali operanti dell'area interessata, per capire quali siano le loro esigenze di sviluppo. I ricercatori saranno coinvolti in queste attività e creeranno un database di soluzioni tecnologiche innovative. 
  

Obiettivi
Acquisizione dei dati tramite l'organizzazione di audit tecnologici nelle aziende, laboratori e ospedali, in modo da avere un quadro preciso del singolo istituto e dei piani di sfruttamento tecnologico. Il calendario degli audit sarà progettato con il Partner n. 5.
Creare una banca dati con le informazioni raccolte negli audit. Queste informazioni aiuteranno a migliorare ulteriormente l'Agenda strategica della ricerca biomedica. 
Realizzare una serie di incontri mirati tra ricercatori e aziende industriali.
  
Attività
Realizzazione di almeno 50 audit tecnologici eseguiti in aziende biomediche; transfrontaliere, laboratori di ricerca e strutture ospedaliere; 
Verifica sugli aspetti economici relativi all’implementazione dei metodi di lavoro nell’azienda e di opportunità di training per lo staff.
Realizzazione del Portale "Cross Border Technological Marketplace" con il database delle soluzioni innovative;
Organizzazione di almeno 10 incontri con un numero limitato di persone su argomenti specifici, per discutere dei bisogni e delle carenze e per valutare le possibili soluzioni tecnologiche fornite dai partner del Progetto, o che sono già state identificate tramite mappatura (WP5) e/o tramite verifiche tecnologiche.
 
Risultati attesi
Verifica e strutturazione dei dati messi a disposizione grazie alle attività del WP5 (mappatura) e le audizioni tecnologiche; 
Creazione di un portale di interfaccia ("Cross Border Technological Marketplace") al database connesso con un’area contenente la documentazione del Progetto.
  
Risultati conseguiti
Documento guida sui Technology Readiness Levels
Soluzioni tecnologiche innovative: sono inserite nel report del training tecnologico dei 14 ricercatori
Incontri mirati domanda-offerta: erano previsti 10 e sono stati fatti 14. 
 
 

La grande sfida: un progetto permanente

WP7 - ALLARGAMENTO E CONSOLIDAMENTO DEL NETWORK

Questa fase di attività prevede l'avviamento di nuove cooperazioni al fine di espandere il Network ai nuovi membri, azioni di facilitazione volte all'inserimento lavorativo dei ricercatori coinvolti in T2C e la ricerca di finanziamenti futuri per sostenere le attività della rete dopo la conclusione del Progetto.
 

Obiettivi
Inclusione nel Network di almeno 10 nuovi Partner associati; 
Avvio di almeno 10 accordi formalizzati per la ricerca e sviluppo di prodotti e servizi biomedici; 
Avvio di almeno 2 stage in 2 aziende diverse i ricercatori del Progetto; 
Avvio di almeno 10 proposte progettuali congiunte;
Studio di fattibilità per la fondazione di uno spin-off industriale localizzato nell'Area di Programma; 
Acquisizione di supporto finanziario per sostenere le attività future del Network dopo la conclusione del Progetto.
 
Attività
Organizzazione di visite, seminari, conferenze e partecipazione a percorsi formativi di impronta sia manageriale che scientifica presso università, centri di ricerca, ospedali, cliniche, parchi scientifici, incubatori, società, associazioni di imprese, associazioni professionali, associazioni di utilizzatori di servizi medici (pazienti), scuole superiori, etc..;
Identificazione di partner da coinvolgere (sia i partner del progetto che nuovi partner associati al fine di espandere il Network);
Individuazione di altri partner provenienti da Paesi idonei per la specifica chiamata, identificati dal Network di collaborazioni che LP e PP hanno già implementato o implementeranno durante il Progetto;
Preparazione di proposte di ricerca congiunte;
Avvio dei tirocini dei ricercatori presso le aziende, previa valutazione e approvazione da parte di PP, LP e persona responsabile della proposta;
Partecipazione a bandi europei, nazionali e regionali, dedicati alla Ricerca e allo Sviluppo Tecnologico;
Monitoraggio della pubblicazione di bandi per il finanziamento di ricerche in ambito biomedico, trasferimento tecnologico, sviluppo di prodotti/servizi innovativi, training, ecc.
 
Risultati attesi
Consolidamento del Network grazie a collaborazioni stabili tra Partner, Partner associati e altri enti; 
Redazione di accordi confidenziali e di cooperazione pianificati, gestione appropriata della proprietà intellettuale e formalizzazione del contratto di collaborazione finale supportata dalle competenze manageriali specializzato sviluppate dallo staff del Network;
Individuazione di opportunità finanziarie atte a sostenere le attività future del Network dopo la conclusione del Progetto. Progetto.
 
Risultati conseguiti
 
Il progetto prevede la costituzione di una spin-off, per lo sfruttamento di alcuni dei risultati di ricerca dei Partner. Alla luce dell'analisi di maturazione tecnologica dei prodotti della ricerca, sembra più opportuno consolidare le relazioni con le imprese e proseguire congiuntamente nella pianificazione ed attuazione di R&S, nell'ambito  delle Smart Specialisation Strategies transfrontaliere.
SUGGERIMENTI PER IL POSITION PAPER "STRATEGIA PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE INTEGRATO 
DEL SETTORE BIO-MED, BIO-TECH E BIO-ICT" del CBM - ver. 27.08.2014 
SUGGERIMENTI PER IL POSITION PAPER "BIOVALLEY E RETI DI MEDICINA TRASLAZIONALE: PROGETTO STRATEGICO UNITARIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE INTEGRATO DEI SETTORI BIOMEDTECH, BIOTECH E BIOICT IN UN QUADRO DI CRESCITA SINERGICA E COERENTE DEL SISTEMA SOCIO SANITARIO, DELL’ INDUSTRIA E DELLA RICERCA NELLA REGIONE FVG." - ver. 16.9.2014 

  
 

Come far conoscere le attività e i risultati ai non specialisti?

WP8 - PIANO DI COMUNICAZIONE

Il Progetto Trans2Care interessa questioni di grande importanza socio-economica e sanitaria ed è finalizzato a una ricaduta positiva sulla qualità delle cure per i pazienti e il pubblico in generale, verso i quali saranno rivolte le azioni di divulgazione e comunicazione.
 
Tutte le strategie e le attività per la comunicazione e la diffusione dei risultati del progetto sono descritti nel Piano di Comunicazione e relativo registro delle attività.

Obiettivi
Promuovere la comprensione reciproca non solo all’interno di uno specifico gruppo di lavoro, ma presso ciascuna istituzione partner nella sua totalità (coinvolgendo dipartimenti, laboratori, ricercatori, sezioni operative di una struttura ospedaliera o clinica);
Rendere consapevoli tutte le risorse umane presenti e metterle nella condizione di essere parte attiva del progetto e di interagire con la rete;
Stimolare nuove idee e collaborazioni, incoraggiare lo sviluppo di proposte, progetti e l'eventuale allargamento e consolidamento del Network;
Organizzare costantemente attività di comunicazione dirette agli utilizzatori finali; agli specialisti e agli investitori;
Fornire informazioni costantemente aggiornate sulle attività e le scoperte relative al Progetto, in modalità e formato accessibili anche ai non specialisti.
 
Attività
Progettazione e sviluppo di un logo Progetto e dell'identità visiva, in accordo con le linee guida del Programma Italia-Slovenia;
Realizzazione di un sito web;
Aggiornamento costante del sito web del Progetto con contenuti in inglese, italiano, sloveno.
Partecipazione a conferenze, incontri e fiere per presentare il Progetto e pubblicizzarne i risultati;
Partecipazione a trasmissioni televisive e radiofoniche che trattino tematiche inerenti al progetto (sanità, scienza, nuove tecnologie, benessere, ricerca e lavoro, etc.);
Pubblicazione di articoli scientifici relativi ai risultati del Progetto in giornali internazionali dotati di referee;
Creazione del portale "Cross Border Technological Marketplace" (WP6);
Coinvolgimento costante nelle attività di divulgazione e comunicazione dei giovani reclutati dal Network, opportunamente formati (WP4) e sotto la supervisione del Responsabile delle Comunicazioni.
Coinvolgimento costante nelle attività di disseminazione e comunicazione dei giovani reclutati dal Network, opportunamente formati (WP 4) e sotto la supervisione del Responsabile delle Comunicazioni.
 
Risultati attesi
Redazione e approvazione di un Piano della Comunicazione finale disponibile al pubblico sul sito WEB del Progetto entro 3 mesi dall'avvio delle attività;
Realizzazione di un sito WEB completamente operativo entro 4 mesi dall'avvio del Progetto e suo costante aggiornamento;
Organizzazione di 2 Workshop internazionali e 12 seminari regionali;
Organizzazione di eventi e produzione di documenti finalizzati a comunicare puntualmente i risultati del Progetto e a informare il pubblico sui risultati con riferimento alla qualità delle cure per i pazienti;
Visibilità mediatica internazionale (televisiva, carta stampata, social network, etc.) del progetto. 
 
Risultati conseguiti 
Pubblicazione sul sito web del Piano della Comunicazione;
Costruzione, realizzazione e pubblicazione sul sito di testi, grafici e materiali multimediali prodotti grazie a un team dedicato e atti a facilitare comunicazione e disseminazione del progetto;
Realizzazione di un profilo Twitter e Facebook dove condividere aggiornamenti e informazioni in lingua inglese;
Citazione del progetto, delle attività e del sito di Trans2Care in articoli e interviste pubblicate a mezzo stampa e radio.